29
NOV 03

GRANDE SUCCESSO LA FIERA DI SANTA CATERINA

Foto notizia
Della Fiera di Santa Caterina, protettrice della comunità di Cellino S. Marco, si ignora la data di inizio. Le sue origini sono di data antecedente al 1920. La manifestazione era distinta da una fiera interna ove venivano esposti, per la compravendita, merci prettamente di abbigliamento invernale e da una esterna per la compravendita di ogni tipo e razza di animale. Gli eventi bellici la fecero scomparire; fu ripristinata negli anni 45/50, e raggiunse, ben presto, un?importanza notevole tanto da essere classificata una fiera molto importante per i paesi limitrofi. La fiera si svolgeva comunemente in Piazza per necessità di spazio e per il continuo afflusso di commercianti visitatori richiamati dall?importanza della manifestazione, poi, con l?espansione demografica, edilizia e commerciale ebbe uno sviluppo dinamico estendendosi, così, in pochi anni nelle vie adiacenti alla Piazza, fino a raggiungere nell?anno 1982 la estensione complessiva di circa 3 Km. La Fiera di Santa Caterina comunemente chiamata Fera te li cappotti ha avuto un richiamo notevole ed un?influenza profonda nell?animo dei cellinesi, anche in periodi di crisi economica. In modo particolare è sentita da tutta la popolazione sia cellinese che dei paesi limitrofi quali: San Pietro Vernotico, Sandonaci, Torchiarolo, San Pancrazio, Squinzano, Guagnano, Campi Salentina, che attendono la data del 25 Novembre per acquistare i famosi "cappotti". Attualmente la Fiera, avendo raggiunto delle dimensioni ragguardevoli, si svolge in Piazza Padre Pio, Via Napoli, Via Mameli, Via Grandi e Via Berlinguer. Quest?anno nonostante la crisi dell?euro vi è stato un notevole afflusso di visitatori ed espositori, basti pensare che si sono conclusi affari per oltre 150.000 euro, e, quando una fiera raccoglie tanti consensi, indubbiamente molti sono i fattori che hanno concorso alla sua riuscita. Abbinata alla manifestazione l?Amministrazione Comunale ha organizzato la 1^ Sagra te li Pizzicarieddri una serata tra degustazione e beneficenza.Difatti oltre alla tipica pasta salentina (le orecchiette), sono stati degustati i prodotti tipici locali come le verdure grigliate della ditta Greens&Grill di Salvatore GRAVILI ed i prodotti da forno della ditta Max&Sons di Massimo ROLLO. Non sono mancati i vini delle Cantine: Tenute Abano CARRISI, Cantina Due Palme, Azienda La Mea di Marco MACI, Cantina Riforma Fondiaria e Cantina Sociale Cellinese.Dalle ore 20,00 il gruppo folk I Figli di Rocco ha animato la serata con musica etnico popolare salentina. Presso l?ex sede del Palazzo Comunale di Piazza A.Moro, già da lunedi 24 alle ore 18,00 si è inaugurata una mostra dell?artigianato e pittura di artisti locali.La parte più importante della serata ha riguardato la gara di beneficienza in collaborazione con la Croce Rossa di San Pietro Vernotico di cui tutto il ricavato è stato devoluto a TELETHON per la ricerca sulla Distrofia Muscolare. In definitiva un?importante iniziativa che ha visto coinvolto per la prima volta l?Amministrazione Comunale cellinese e che ha conseguito molti consensi e resitrato un notevole aflusso di visitatori.

Ultimo aggiornamento il 2014-06-04 12:24:05



Allegati
File Foto Santa Caterina. Allegato 277 Kb

Comune di Cellino San Marco

Via Napoli, 2 - Cellino San Marco (BR) - Tel. 0831.615221 - Fax. 0831.619691 - Email: info@comune.cellinosanmarco.br.it - PEC: info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it  – Credits