10
GIU 11

Chiarimenti relativi al bando di "Lavori di bonifica sito contaminato in c.da Damanzi"

Foto notizia
Pervengono a mezzo posta elettronica e a mezzo fax richiesta di chiarimenti in merito al bando di cui all’oggetto e pertanto con la presente si intende rispondere ai quesiti posti:Il bando al p.to 5 lett. b) – Caratteristiche generali dell’opera – specifica chiaramente che si tratta di lavori finalizzati alla “bonifica del sito con trasporto del rifiuto abbandonato e recinzione dello stesso sito al fine di ridurre il rischio di abbandono incontrollato dei rifiuti”.Dagli elaborati progettuali allegati e dalla visita dello stato dei luoghi emerge chiaramente che al fine di rimuovere i quantitativi dei rifiuti di varia natura – responsabili dell’inquinamento – la somma delle relative lavorazioni ammonta ad € 27.015,50 con una incidenza percentuale del 13,93% sull’intero importo dei lavori.I lavori aventi lo scopo di preservare il sito da futuri depositi incontrollati di rifiuto, consistenti nella recinzione del sito, ammontano ad € 166.915,44 (86,07% dell’intero importo lavori), e per caratteristiche risultano assimilabili ad opere edili e come tali rientranti nella categoria OG1 che pertanto risulta la prevalente.Rientrando le opere di allontanamento dei rifiuti tra le opere appartenenti alla categoria OG12, classificata ai sensi dell’art. 72 comma 4 del Dpr 554/99 quale categoria speciale, l’impresa che voglia partecipare all’appalto deve dimostrare di possedere i requisiti in proprio o subappaltarli o costituire RTP. La dimostrazione di possesso dei requisiti dovrà avvenire tenendo conto che l’importo è inferiore a € 150.000,00.Nel bando inoltre – così come richiesto in varie Determinazioni della AVCP – si specifica che il requisito di iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali è condizione per l’esecuzione dei lavori e non invece di partecipazione all’appalto.Esaminando poi gli elaborati del progetto si evince, che vista l’esigua quantità di rifiuto contenente amianto l’importo relativo alla rimozione dello stesso risulta di € 2.500,00 - con una incidenza percentuale dell’1,29% sull’intero importo dell’appalto – e pertanto con una percentuale di incidenza per trasporto e smaltimento tale da far rientrare quest’ultime tra quelle di cui all’art. 118 comma 11 del d. lgs. 163/2006 fermo restando la dimostrazione dell’idoneità a svolgerle. In riferimento al contenuto dei modelli di istanza e dichiarazione allegati al Bando si fa presente che ai fini della verifica dei requisiti di ordine generale è sufficiente quanto previsto dal Decreto Legge n. 70/2011. Inoltre in riferimento al punto “B progetto tecnico” si chiarisce che il progetto – offerta deve essere redatto su n. 12 facciate su formato A4. Si ribadisce che il principio che ha contraddistinto la redazione del Bando è quello della massima trasparenza e partecipazione.

Ultimo aggiornamento il 2014-06-04 12:24:05



Allegati
File Chiarimenti bando. Allegato 91 Kb

Comune di Cellino San Marco

Via Napoli, 2 - Cellino San Marco (BR) - Tel. 0831.615221 - Fax. 0831.619691 - Email: info@comune.cellinosanmarco.br.it - PEC: info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it  – Credits