30
MAG 12

IMPOSTA MUNICIPALE UNICA (IMU) ANNO 2012

Foto notizia
                                                     IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IMU                                                                                INFORMA che entro il 18 GIUGNO 2012 deve essere effettuato il versamento della prima rata dell’imposta municipale propria (I.M.U.) dovuta per l’anno d’imposta 2012. Soggetti passivi: Sono tenuti al pagamento dell’imposta tutti i possessori di immobili siti sul territorio comunale. Sono soggetti passivi il proprietario o il soggetto titolare del diritto di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi o superficie sull’immobile. Nel caso di leasing, soggetto passivo è il locatario, dalla data di stipula del contratto e per tutta la sua durata. Nel caso di concessioni di aree demaniali, soggetto passivo è il concessionario. Immobili soggetti all’imposta: il tributo è dovuto su tutti gli immobili posseduti: terreni agricoli, aree edificabili, unità abitative e produttive, fabbricati rurali ad uso strumentale (Cat. D/10). Uso gratuito a familiare: Al fine di dirimere ogni possibile contestazione e/o contenzioso, si precisa che è preclusa tale forma agevolativa per cui, ricorrendo tale ipotesi, le stesse unità immobiliari devono essere assoggettate al tributo come altri immobili. Aliquote: Si riportano le aliquote del tributo stabilite dall’art. 13 del D.L. 201/2011: Abitazione principale e pertinenze        0,40%Fabbricati rurali ad uso strumentale     0,20%Altri fabbricati                                        0,76%Terreni                                                    0,76%Aree edificabili                                       0,76%Le aliquote sopra riportate sono da impiegare per il calcolo della rata di giugno e dell’eventuale rata di settembre esclusivamente per l’abitazione principale. Le aliquote del tributo da applicare per il calcolo dell’imposta annuale per determinare il saldo del mese di dicembre, saranno definitivamente stabilite dal Comune entro il 30/09/2012, a norma dell’art. 13, c. 12 bis, D.L. 201/2011 e successive modifiche ed integrazioni e solo dopo il 10/12/2012 per effetto delle possibili modifiche decise dallo Stato. Ai fini del tributo è abitazione principale il fabbricato iscritto o iscrivibile in catasto come unica unità immobiliare in cui il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente. Sono pertinenze le unità immobiliari esclusivamente classificate nelle categorie catastali C/2 -C/6 -C/7, nel limite massimo di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all’unità ad uso abitativo.Detrazione: per l’unità immobiliare adibita ad abitazione principale compete una detrazione di imposta di  €. 200,00, da rapportare al periodo dell’anno durante il quale si protrae tale destinazione e da suddividere in parti uguali tra i soggetti passivi per i quali l’unità immobiliare è abitazione principale. Compete inoltre una maggiorazione della detrazione di €. 50,00 per ogni figlio di età inferiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’abitazione principale, fino ad un massimo di   €. 400,00. La detrazione e la maggiorazione spettano fino a concorrenza dell’imposta dovuta sull’abitazione principale e relative pertinenze. Per i terreni agricoli posseduti e condotti da coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, si applica una riduzione dell’imposta, nelle misure stabilite dall’art. 13, comma 8-bis, del D.L. 201/2011.Immobili Inagibili: La base imponibile per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e per i fabbricati di interesse storico o artistico è ridotta del 50%. Ora poiché gli immobili inagibili scontavano la riduzione ICI del 50%, per la nuova imposta IMU  occorre produrre una nuova documentazione per avere la riduzione dell’imposta. Per cui il contribuente è tenuto a presentare all'Ufficio Tributi il Certigicato di inagibilità o inabitabilità rilasciato dall'Ufficio Tecnico del Comune oppure produrre una dichiarazione sostitutiva dell'Atto di notorietà con allegate le foto dell'immobile (fronte ed interno) ed una relazione di un tecnico abilitato dalla quale risulti che l'immobile risulti inagibile o inabitabile.  Calcolo dell’imposta: il calcolo dell’imposta deve effettuarsi applicando alla base imponibile come sopra determinata l’aliquota e l’eventuale detrazione (nel caso di abitazione principale e pertinenze). L’imposta è dovuta in proporzione alla quota di possesso ed ai mesi dell’anno nei quali si è protratto il possesso, considerando per intero il mese in cui il possesso si è protratto per almeno 15 giorni. Sull’imposta dovuta per tutti gli immobili diversi dall’abitazione principale e pertinenze e dai fabbricati rurali strumentali, deve calcolarsi la quota statale pari al 50% del tributo determinato applicando l’aliquota statale di base (per ulteriori ipotesi di esclusione vedere art. 13, c. 10, D.L. 201/2011).L’importo della prima rata, scadente il 18/06/2012, è pari:per l’abitazione principale e relative pertinenze, a scelta del contribuente: • ad 1/3 dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato sopra indicate (in questo caso è necessario versare anche la rata scadente il 17/09/2012); • al 50% dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato sopra indicate; -per i fabbricati rurali strumentali, al 30% dell’imposta determinata applicando l’aliquota sopra indicata; per tutti gli altri immobili, al 50% dell’imposta calcolata applicando l’aliquota e la detrazione stabilite dallo Stato, sopra indicate. Solo per i fabbricati rurali iscritti al catasto terreni, da denunciare al catasto fabbricati entro il 30/11/2012, l’imposta è versata in un’unica soluzione entro il 17/12/2012. Prima di eseguire il versamento dell’imposta del mese di dicembre, si invita a verificare le aliquote definitive vigenti sulla base di quanto stabilito dal Comune e dallo Stato, rese disponibili sul sito internet del Comune. Pagamento: il versamento dell’imposta deve eseguirsi esclusivamente a mezzo modello F24 (sezione IMU e altri tributi locali), utilizzando i codici tributo sotto indicati. Il codice comune da indicare è C448. Nel versamento è necessario separare la quota comunale da quella statale. L’importo da versare deve essere arrotondato all’euro inferiore o superiore. Non è dovuto il versamento se l’imposta dovuta per l’intero anno è inferiore a €. 5,00.Dichiarazione: I contribuenti sono tenuti a presentare la dichiarazione, entro 90 giorni dalla data in cui ha avuto inizio il possesso degli immobili o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta, utilizzando il modello approvato con apposito decreto ministeriale. Per gli immobili per i quali l’obbligo dichiarativo è sorto dal 1° gennaio 2012 la dichiarazione deve essere presentata entro il 30/09/2012.Aree Edificabili: Per l’anno 2012, in attesa della definizione dei nuovi valori,  in fase di acconto IMU restano invariati i valori relativi all’anno 2011 sotto indicati, salvo conguaglio a dicembre:Zona Valore al mq.“B” centro abitato                                              65,00 euro“C/5”                                                                   75,00 euroC/1 – C/2 – C/6 – C/9 – C/8 – C/10 – C/11         45,00 euroC/3 e C/4                                                              20,00 euroC/7 – D e D1                                                        10,00 euro Nella fase di applicazione del pagamento dell’imposta, poiché vi è la quota che andrà allo Stato,  si consiglia di verificare gli immobili posseduti segnalandoli ai propri consulenti, CAF, Sindacati, Associazioni, professionisti abilitati ecc. al fine di dirimere il contenzioso.L'Ufficio Tributi è aperto al pubblico nei giorni di Lunedi  Mercoledi e Venerdi dalle ore 8,30 alle ore 12,30 ed il Giovedi dalle ore 16,00 alle ore 18,00.   (Tel.0831/615215 numero di Fax 0831/615258 e 619691)   tributi@comune.cellinosanmarco.br.it.IL FUNZIONARIO RESPONSABILE: rag.Vincenzo BLASI MARTINA 

Ultimo aggiornamento il 2014-06-04 12:24:05



Allegati
File DICHIARAZIONE INAGIBILITA. Allegato 42 Kb

Comune di Cellino San Marco

Via Napoli, 2 - Cellino San Marco (BR) - Tel. 0831.615221 - Fax. 0831.619691 - Email: info@comune.cellinosanmarco.br.it - PEC: info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it  – Credits