07
AGO 15

Nuove Tariffe per la Tassa Rifiuti TARI 2015

Foto notizia

Si informano i contribuenti che che sono in corso di spedizione gli avvisi di pagamento relativi alla tassa sui rifiuti TARI anno 2015.

Per l'anno 2015 al nuovo tributo continuerà ad applicarsi il tributo provinciale del 5% dovuto per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione ed igiene ambientale (art.19 del D.lgs. n.504/1992); inoltre, rispetto alle tariffe approvate lo scorso anno, quelle del 2015 presentano un aumento medio per le utenze domestiche del 5% rispettivamente della quota fissa e della quota variabile e del 3,50% per le utenze non domestiche. Tale aumento scaturisce innanzitutto dalla dilatazione economica del contributo in discarica e da quello relativo all'ecotassa regionale, oltre che dalla scarsa collaborazione a differenziare i rifiuti. Pertanto si fa appello a tutti i cittadini-contribuenti che  fare la raccolta differenziata conviene,  poichè oltre che ad essere un obbligo di legge è anche un modo per fare risparmiare sia il comune e di conseguenza anche i cittadini.

Con la delibera di approvazione del Piano Finanziario e Tariffario sono state apportate modifiche all'art. 43 del Regolamento Comunale della TARI così come segue:

"Art. 43

 Disposizioni per l’anno 2015

  1. Per l’anno 2015 il tributo sarà versato in 4 rate mensili scadenti il 31 agosto  - 15 settembre - 15 ottobre  e   16 novembre 2015
  2. A sostegno dei soggetti residenti nel territorio del comune di Cellino San Marco, che si trovano in condizioni di disagio economico-sociale, viene riconosciuta un'agevolazione nel pagamento della TARI, dovuta per il servizio relativo ai rifiuti della propria abitazione. Il beneficio compete a condizione che il richiedente e i componenti del proprio nucleo familiare non siano proprietari di altri immobili nel territorio nazionale, oltre all'eventuale possesso dell'abitazione di residenza, per la quale viene corrisposta la TARI e non superino agli effetti ISEE il reddito annuo complessivo del nucleo familiare come indicato nella tabella sottostante. Per il riconoscimento del beneficio, il fabbricato adibito ad  abitazione deve essere iscritto in Catasto nella categoria catastale "A", ad eccezione della categoria A1 (tipo signorile); A8 (villa); A9 (castello, palazzo).
  3. Il nucleo familiare che occupa l’abitazione e/o pertinenza, di cui al comma 2,  composto al massimo da due persone d’età superiore a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne, residenti nel Comune, titolari esclusivamente di assegno sociale o pensioni minime e delle eventuali maggiorazioni erogate dall’Inps e che non superi, agli effetti ISEE, il limite di reddito stabilito nella tabella sottostante, viene riconosciuta una riduzione del 30% (sia nella parte fissa che nella parte variabile della tassa);
  4. Ai nuclei familiari che occupano civili abitazioni e pertinenze, di cui al comma 2,  e nei quali risulti convivente un soggetto portatore di handicap o con invalidità accertata dalle competenti autorità non inferiore al 70%, il cui reddito complessivo annuo, ai fini ISEE,  non risulti superiore ai limiti di reddito indicati nella tabella sottostante,  viene riconosciuta una  riduzione del 30% (sia nella parte fissa che nella parte variabile della tassa);
  5. Ai nuclei familiari con oltre quattro componenti,  che occupano civili abitazioni e pertinenze, di cui al comma 2 e che risulti convivente almeno un soggetto ultrasessantacinquenne, il cui reddito complessivo annuo del nucleo non risulti superiore ai limiti di reddito indicati nella tabella sottostante, viene riconosciuta una  riduzione del 30% (sia nella parte fissa che nella parte variabile della tassa);
  6. Ai nuclei familiari con oltre quattro componenti,  che occupano civili abitazioni e pertinenze, di cui al comma 2 e nei quali nessun componente risulti aver percepito reddito nell’anno 2014, (ISEE = 0)  viene riconosciuta una  riduzione del 30% (sia nella parte fissa che nella parte variabile della tassa);
  7. Le riduzioni di cui all'art.23 e seg. nonchè dell'allegato D) del Regolamento Comunale TARI, approvato con deliberazione della Commissione Straordinaria, con i poteri del consiglio comunale, n. 12 del 10/07/2014, sono tutte confermate per l'anno 2015;
  8. Per l’anno 2015 le riduzioni effettuate alle utenze domestiche e non domestiche sono  tutte confermate nella misura stabilita nell'anno 20014, a condizione che i soggetti beneficiari producano idonea documentazione reperibile sul sito web istituzionale www.comune.cellinosanmarco.br.it  alla sezione "Tributi Modulistica" entro il 30 novembre 2015. In mancanza della predetta documentazione sarà effettuato il conguaglio nell’anno 2016 tra quanto versato e quanto effettivamente dovuto.

                         TABELLA LIMITI DI REDDITO ISEE 2015

Persone componenti il nucleo familiare

Limiti di reddito dell'indicatore della situazione economica equivalente ISEE espresso in euro

          1

Fino a  euro    5.500,00

          2

Fino a  euro     7.500,00

          3

Fino a euro     10.000,00

          4

Fino a euro     12.000,00

          5

Fino a euro     15.000,00

  oltre 5

Fino a euro     18.000,00

 

 

Ai sensi dell’art.71 commi 1 e 2 del T.U. approvato con D.P.R. n. 445/2000, l’Amministrazione Comunale procederà ad idonei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive rese. Qualora le stesse presentino delle irregolarità o delle omissioni, non costituenti falsità, troverà applicazione il comma 3 dell’art.71 del summenzionato T.U.

Nel caso in cui vengano accertate dichiarazioni mendaci, nei confronti del dichiarante troveranno applicazione gli art. 75 e 76 del predetto T.U. "

Utenze Domestiche: la domanda per ottenere i benefici previsti è reperibile in allegato alla presente pagina, e alla stessa deve essere allegata una dichiarazione sostitutiva unica (D.S.U.) attestante la fascia di reddito del nucleo familiare (nuovo modello ISEE da richiedersi esclusivamente presso i CAAF o INPS o Agenzia delle Entrate di Brindisi) corredata dalla documentazione utile a dimostrare il possesso dei requisiti (Certificato invalidità, attestazione legge 104/92 art. 3, comma 3, ecc.).

Utenze non Domestiche: la domanda per ottenere i benefici previsti è reperibile in allegato alla presente pagina, e alla stessa deve essere allegata ( per i rifiuti speciali assimilabili o non assimilabili: formulario dei rifiuti vidimato dalla competente ASL, fatture della ditta che ritira i rifiuti, contratto e ogni altra  documentazione utile a dimostrare il possesso dei requisiti.)

I soggetti beneficiari potranno produrre la documentazione richiesta entro il 30 Novembre 2015  reperibile sul sito web del Comune: www.comune.cellinosanmarco.br.it alla Sezione "Tributi - Modulistica". In mancanza della documentazione sarà effettuato il conguaglio, nell’anno 2016,  tra quanto versato e quanto effettivamente dovuto.

Qualora siano intervenute durante l’anno 2014 e quello in corso degli acquisti o cessazioni o si dovesse riscon­trare qualche inesattezza, occorre segnalarla all’Ufficio Tributi.

Si informa, infine,  che nella eventualità vi fossero dei ritardi nella consegna del presente avviso, oltre la scadenza della prima rata, non saranno applicate sanzioni.

L’Ufficio Tributi è a disposizione dei contribuenti per informazioni e chiarimenti nei seguenti giorni:

Lunedi – Mercoledi e Venerdi dalle ore 10,00 alle ore 12,00 e Giovedi pomeriggio dalle ore 16,00 alle ore 18,30

Tel. 0831-615215 – Fax 0831-619691 -  email: tributi@comune.cellinosanmarco.br.it

 

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE                              

rag. Vincenzo BLASI MARTINA                     


Ultimo aggiornamento il 2015-08-11 08:17:05

Comune di Cellino San Marco

Via Napoli, 2 - Cellino San Marco (BR) - Tel. 0831.615221 - Fax. 0831.619691 - Email: info@comune.cellinosanmarco.br.it - PEC: info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it  – Credits