08
APR 06

Grande successo il Convegno sul Negroamaro

Foto notizia
Ha riscosso un successo davvero superiore ad ogni più rosea aspettativa il convegno nazionale svoltosi nel nostro Comune, dall?11 al 13 marzo u.s., sul tema "Negroamaro: ricchezza della nostra terra da valorizzare e promuovere". Una iniziativa voluta dall?Amministrazione Comunale in collaborazione con l?Associazione Nazionale Città del Vino, ma ampiamente condivisa dal variegato mondo dei produttori vitivinicoli dell?intero Salento. Si è trattato di tre giornate durante la quali sono state discusse tutte le tematiche connesse alla completa valorizzazione del negroamaro. Un passato da vino da taglio ed un presente contraddistinto da tante produzioni di qualità, presenti ormai in tutte le più prestigiose riviste di settore. Ma la vera scommessa - è quanto si auspica il Sindaco Claudio PEZZUTO - è rappresentata dalla proposta di costituzione del "Parco del Negroamaro" che vedrà coinvolti molti Comuni del Nord leccese e del Sud del Brindisino in uno sforzo di mettere insieme la qualità dei vini, la bellezza naturale dei posti e le conseguenti ipotesi di sviluppo turistico dell?intera area. Dopo le due giornate iniziali presso la masseria "Li Veli", gran finale nella tenuta di Albano Carrisi dove ai convegnisti si sono aggiunti normali cittadini che non hanno voluto perdersi questo avvenimento che pone il Salento al centro delle attenzioni nazionali del comparto vitivinicolo. Un momento importante nel quale non hanno voluto far mancare la propria presenza personalità illustri quali Albano Carrisi, il Presidente della Regione Puglia Vendola, i Presidenti delle Province di Brindisi e Lecce, Errico e Pellegrino, il Sindaco di Brindisi Mennitti, il Prefetto Tafaro e tante altre autorità, oltre a decine di esperti che nel corso di questo convegno si sono alternati nel ruolo di relatori. L?Amministrazione Comunale, gli imprenditori, i produttori, le Organizzazioni di categoria ed il mondo della politica per la prima volta hanno unito le proprie forze allo scopo di promuovere e valorizzare una tra le più pregiate risorse del territorio: IL NEGROAMARO. Il Convegno ha avuto il valore di rimettere al centro dell?attenzione politica i problemi legati all?agricoltura , un settore che, come sappiamo, rischia di cadere in una crisi irreversibile. Il Negroamaro ha scritto la storia vitivinicola del territorio di Cellino San Marco come di tutta l?area salentina, dai tempi in cui viaggiava per l?Europa come vino da taglio per arrivare ai successi internazionali delle recenti produzioni di eccellenza. Esso è il vero "ambasciatore della cultura del fare" che il nostro salento ha imparato, nel tempo, ad esprimere ai massimi livelli nei diversi campi del sapere , nel lavoro e nelle attività economiche. L?agricoltura sta attraversando un crisi dalla quale sarà molto difficile uscire anche perché bisogna riconoscere le enormi difficoltà che si incontrano nel trasmettere all?imprenditoria agricola o industriale una nuova forma di sviluppo eco¬compatibile e attenta alle attuali esigenze dei consumatori, può non essere facile. Ad esempio, produrre con metodi da agricoltura biologica, senza veleni, come una volta, in favore della biodiversità, appare gravoso a causa dei costi produttivi più elevati rispetto ad altre regioni italiane e con una nicchia di mercato quasi inesistente. Agire con una reale pianificazione a difesa del territorio, attraverso ricerche e percorsi nella natura e nella storia d?ogni comunità coinvolta è ormai divenuto quasi un dovere. Ecco quello che si propone "Il Parco del Negroamaro": impostare un progetto etico che organizzi un tessuto unico fra tradizione e modernità che parta da un?energia remota e popolare, affinché sia un valido riferimento per tutti i tipi d?impresa e per qualsiasi identità. Possiamo, pertanto, con orgoglio affermare che il merito di questo Convegno è stato principalmente quello di consacrare Cellino San Marco come una delle capitali del vino italiano. Questo Convegno ha rappresentato il riconoscimento alla sapienza dei produttori che hanno scelto di vinificare in purezza le uve del negroamaro, diventando al contempo, uno sprone ad insistere su questa strada verso sempre più importanti risultati e sempre più ambite mete. Questo convegno - conclude il Sindaco - ci permette con orgoglio di dire che all?interno del Grande Salento c?è anche Cellino San Marco.

Ultimo aggiornamento il 2014-06-04 12:24:05



Allegati
File Foto. Allegato 1784 Kb

Comune di Cellino San Marco

Via Napoli, 2 - Cellino San Marco (BR) - Tel. 0831.615221 - Fax. 0831.619691 - Email: info@comune.cellinosanmarco.br.it - PEC: info.comune.cellinosanmarco@pec.rupar.puglia.it  – Credits